Le anatre hanno un pene, Le anatre e il sesso a forma di cavatappi | Clinica della Coppia


Sono fossili viventi, dunque, con un terzo occhio fotosensibile sulla fronte il cui scopo ci è ancora ignoto; sono animali dal comportamento affascinante, che hanno imparato a usare il guano degli uccelli per allevare gli insetti di cui si nutrono.

le anatre hanno un pene

A questa domanda ne seguono a ruota molte altre: perché ci sono rettili con due organi, uccelli con un fallo lungo come metà del loro corpo, koala con organi genitali a due teste? Possibile che il pene sia un capriccio che la natura regala solo ad alcune specie, invece che una delle strutture maggiormente responsabili del nostro successo evolutivo?

le anatre hanno un pene

Anzi, potenzialmente tutte le specie avrebbero potuto averlo. Il fatto che, potenzialmente, anche il tuatara avrebbe potuto avere il pene suggerisce che, nella storia dei vertebrati, questa struttura si sia sviluppata una volta sola per tutti.

le anatre hanno un pene

Successivamente solo alcuni gruppi, e per motivi contingenti, hanno "deciso" di farne a meno. Avere un pene, o non averlo, non è dettaglio da poco. Gli animali che ce l' hanno possono permettersi qualcosa di molto importante, decisivo per il successo in natura: la fecondazione interna.

Quale soluzione preferireste?

  • Twitter Snap Ci sono poche specie di uccelli che hanno il pene.
  • la natura del pisello - a che serve il pene? tutte le risposte sul fallo animale - Dagospia
  • Lo ha scoperto Patricia Brennan del Mount Holyoke College di South Hadley Massachusetts, Stati Uniti insieme ai suoi colleghi, con una ricerca durata un paio di anni i cui risultati sono stati da poco pubblicati sulla rivista scientifica The Auk: Ornithological Advances.

La scelta è ancora più ovvia se l' investimento non è economico, ma genetico: depositare il proprio sperma all' interno della femmina significa avere la certezza di non sprecarlo e, in molti casi, rappresenta una garanzia di paternità del cucciolo. Ecco perché, tecnicamente, il primo pene - inteso come struttura preposta alla fecondazione interna - è antichissimo: risale a milioni di anni fa.

  • Essi, interpellati dal sottoscritto su cosa potesse interessare loro leggere nel mio blog, mi hanno detto più o meno seriamente : "parlaci dei peni degli animali".
  • Anatre sviluppano pene più lungo se ci sono poche femmine in giro – Notizie hotelvecchiaamerica.it
  • La scoperta è stata fatta dai biologi del Mount Holyoke College di South Hadley, Massachusetts, che da tempo indagano sui caratteristici organi genitali di questi uccelli.

Ancora oggi ci sono specie dotate di pene tra i molluschi i polpi hanno un tentacolo specializzato per depositare lo sperma nella cloaca della femminatra i ragni che sfruttano i pedi palpipersino tra i pesci, che nella maggior parte dei casi preferiscono affidare gli spermatozoi al destino, spruzzandoli nell' acqua.

È con gli amnioti rettili e uccelli, ma soprattutto mammiferi che la situazione cambia: l' uscita dall' acqua e la necessità di far sviluppare le uova in un ambiente secco portano alla nascita dei primi peni veri e propri, e con essi del cosiddetto conflitto sessuale, una delle forze evolutive più potenti e più rapide che ci siano in natura.

Dopo un anno di vita raggiungono la maturità sessuale. Ed ecco quali sono le particolarità: i maschi sono, nei confronti delle loro compagne, piuttosto aggressivi e spesso costringono le femmine, con la forzaad accoppiarsi con loro. Invece di corteggiarla, questi maschi trattano la femmina in modo davvero violento, fino ad arrivare a farle del male o a ucciderla.

NelPatricia Brennan dell' Università di Yale ha provato a capire le cause di questo comportamento violento, convincendo alcuni esemplari maschi di anatra muschiata ad accoppiarsi con provette di varie dimensioni.

D' altro canto, se è vero che le anatre hanno un pene, polli, quaglie e piccioni ne sono privi: sempre Brennan, nelha scoperto che è l' attivazione di una proteina in fase di sviluppo a inibirne la crescita, la stessa proteina responsabile della nascita delle piume e della perdita dei denti; è possibile che l' assenza di pene in questi uccelli sia un effetto collaterale della loro evoluzione, oppure le anatre hanno un pene, ancora una volta, c' entrino le femmine, che contrariamente a quanto fatto dalle anatre hanno cominciato a preferire maschi con il pene sempre più piccolo.

Una le anatre hanno un pene con la quale le femmine di gorilla concorderebbero sicuramente, considerando che i peni dei loro mariti non superano mai i 4 centimetri di lunghezza. Un maschio di gorilla non ha bisogno di investire in una struttura riproduttiva di dimensioni ragguardevoli: è la sua forza fisica che gli garantisce l' accesso alle femmine, e il pene gli serve solo per inseminarle.

Durante la stagione dell'accoppiamento, il colore di quello del maschio è molto sgargiante e ha lo scopo di attirare la femmina. Le femmine hanno le piume marroni e piuttosto scialbe, mentre i maschi hanno una fascia di colore viola intenso sulle ali e mostrano generalmente dei colori iridescenti. Il maschio della specie Aythya valisineria ha un piumaggio a tinta unita con tonalità che vanno dal bianco al grigio chiaro.

La femmina a sua volta ha sviluppato un organo, la vagina, fatto apposta per accogliere facilmente lo sperma. Non c' è solo il conflitto sessuale, quindi, a contribuire all' evoluzione dei genitali, e di conseguenza dell' intera struttura sociale di un animale.

Il che avrebbe favorito il successo evolutivo dei mammiferi e la nascita di comportamenti come le cure parentali e la monogamia.

le anatre hanno un pene